Si allunga la classifica - Cortina e Fassa in fuga

Le ultime quattro giornate, quelle che hanno portato la regular season della serie A italiana a 1/4 del suo cammino, hanno confermato l’ottimo lavoro di due allenatori (Frycer a Canazei col Fassa e Mair a Cortina) e messo ancor più in evidenza il periodo negativo di almeno tre squadre (Asiago, Valpellice e Renon) partite con molte ambizioni e attualmente nella metà bassa della classifica.

Il Cortina ha addirittura vinto le ultime quattro le partite, una ai rigori sulla pista dei campioni d’Italia, dimenticando di colpo le ultime due deludenti stagioni che avevano visto la squadra fuori dai play offs. Dopo l’ultimo successo a Torre Pellice, il coach Staphan Mair ha detto in sala stampa: “Sono felicissimo per tutti i punti in classifica che riusciamo a fare ora, la squadra ha una panchina corta e non mi illudo di poter rimanere in testa fino alla fine, ma ho un buon gruppo di stranieri che hanno saputo ridare entusiasmo ai giovani locali e all’ambiente.”

Anche nella valle di Fassa Miroslav Frycer predica umiltà: la sua squadra non ha stelle di prima grandezza, tranne forse il portiere Doyle, e in ogni partita è il grande lavoro collettivo che mette alle corde qualsiasi avversaria. Succede sovente che gli antagonisti si illudano, addirittura fino a sentirsi superiori, ma ogni volta i trentini ripartono proprio dalle parate di Doyle per superare i momenti difficili e arrivare in fondo con il risultato dalla loro parte.

La terza citazione la meritano Tom Pokel ed il suo Pontebba: una squadra di corsari messa insieme all’ultimo momento, una ciurma mai doma costruita su giocatori affamati di rivincite, una vittima designata da tutti che sta dimostrando quanto nell’hockey siano importanti unità d’intenti e agonismo.

Nello stesso gruppetto d’inseguitori si trovano Bolzano, Val Pusteria e Alleghe con umori e prospettive diverse. A Bolzano i problemi sono gli stessi di Mair (panchina corta), fino a questo punto la classifica premia la squadra di Insam, ma non sempre saranno sufficienti i numeri di classe di Giliati e non a lungo il Bolzano troverà avversarie disposte a fare da vittime sacrificali. Il Val Pusteria funziona a corrente alternata seguendo gli umori dei giocatori più rappresentativi, però per puntare a quel titolo sfuggito di poco lo scorso anno c’è bisogno di maggiore continuità. Bene l’Alleghe di Mac Kenna ora che i prolungamenti di partita le sorridono (pensate che con il punteggio attribuito in Francia l’Alleghe sarebbe per ora qualificato in Coppa Italia al posto del Val Pusteria); anche qui un ottimo portiere, Adam Dennis, fa la differenza.

Rimangono le deluse. Asiago e Valpellice stentano a mettere in mostra il loro potenziale, gli allenatori chiedono tempo (Ellis a Torre Pellice vorrebbe dai suoi un gioco più semplice: fino ad ora la Valpe ha molto possesso di disco che non porta mai a qualcosa di concreto), ma l’avere mancato primi obiettivi non aiuta il morale delle due squadre. Morale che manca anche sull’altopiano di Renon dove Krizan sembra la controfigura del portiere conosciuto in passato e Holst non riesce a rimettere insieme i pezzi dello squadrone che fu. Chiude Vipiteno, con tanto orgoglio, ma pochi punti e tutti strappati nelle prime giornate.

Appuntamento tra quindici giorni per vedere se la classifica tornerà ad accorciarsi.

6 Fassa - Valpellice  3 - 2  (1-1, 1-0, 1-1) 
6 Cortina - Alleghe 5 - 2 (2-0, 2-2, 1-0)
6 Renon - Vipiteno 3 - 1 (1-0, 2-1, 0-0) 
6 Bolzano - Asiago 3 - 4 (1-1, 2-1, 0-2) 
6 Val Pusteria - Pontebba 3 - 5 (1-0, 2-2, 0-3)

7 Alleghe - Val Pusteria 2 - 1 (0-0, 0-0, 2-1) 
7 Asiago - Cortina 3 - 4 (0-1, 1-1, 2-1, 0-0, 0-1) R
7 Valpellice - Renon 5 - 3 (3-1, 1-1, 1-1)
7 Vipiteno - Bolzano 1 - 2 (0-0, 1-2, 0-0) 
7 Pontebba - Fassa 1 - 0 (1-0, 0-0, 0-0)
 
8 Alleghe - Pontebba 2 - 1 (0-0, 1-0, 0-1, 0-1) OT
8 Bolzano - Valpellice 4 - 2 (1-0, 2-2, 1-0) 
8 Val Pusteria - Asiago 4 - 1 (1-1, 1-0, 2-0) 
8 Renon - Fassa 1 - 2 (1-1, 0-0, 0-1) 
8 Cortina - Vipiteno 3 - 2 (0-1, 3-0, 0-1)
 
9 Asiago - Alleghe 3 - 4 (2-1, 1-1, 0-1, 0-1) OT 
9 Fassa - Bolzano 3 - 1 (0-0, 1-1, 2-0) 
9 Vipiteno - Val Pusteria 1 - 3 (0-1, 1-1, 0-1) 
9 Valpellice - Cortina 3 - 4 (2-1, 0-2, 1-1) 
9 Pontebba - Renon 7 - 1 (4-0, 1-0, 2-1)
 
CLASSIFICA: Cortina e Fassa 20 p., Bolzano 17, Val Pusteria 16, Pontebba e Alleghe 15, Asiago 12, Valpellice 9, Renon 6, Vipiteno 5.

CLASSIFICA (à la française): Cortina e Fassa 14, Bolzano e Alleghe 12, Val Pusteria e Pontebba 11, Asiago 9, Valpellice 7, Renon e Vipiteno 4.

CLASSIFICA LIGUE MAGNUS (à l'italienne): Chamonix 14, Angers, Briançon, Rouen 13, Morzine-Avoriaz 12, Strasbourg 11, Dijon 9, Gap, Amiens, et Epinal 8, Grenoble 6, Neuilly/Marne 5, Caen 3, Villard de Lans 0.